In bocca una sola parola: Detox

Facile dire "una settimana detox" ma: il resto dell'anno?

CONDIVIDI

Noiosissimo. Davvero noiosissimo parlare di detox.

Ci sono in giro così tanti tips, consigli, segreti, metodi fantascientifici, tè dimagranti, pasti sostitutivi (URLA NO AL PASTO SOSTITUTIVO ANCHE TU! No poltiglie ma cibo sano!) e acqua e limone al mattino come panacea di tutti i mali che davvero non se ne può più. E cosa ci faccio oggi qui? Sono qui per darti una pacca sulla spalla. Ti capisco (e pure io ho preso chili, che benedico perché MI SONO DIVERTITA! OH! E diciamolo, santapizzetta!).

Ho perso più di ottanta chili sì, ma prima di riuscire nell’impresa che mi ha stravolto la vita ho preso e ripreso chili, fatto diete di tutti i tipi e creduto alle peggio fesserie. La cosa che mi infastidisce di più onestamente è far passare per novità eclatanti sempre le stesse cose trite e ritrite: bere tanta acqua, carboidrati nelle prime ore del mattino zzzZZZzzzzzzz, ti racconto i miei segreti per ZZZzzzzzZZZZZ. Sì. Mi addormento anche io.

Non fidarti di nessuno ma solo di te stesso -come percepisci e senti il tuo corpo- e del dottore è il mantra della mia vita. Se ti senti davvero appesantito dalle vacanze, nonostante sia un controsenso, non andare alla ricerca di articoli come questo (un altro controsenso :-P ?) ma -come direbbe l’ineguagliabile Maestro Yoda- cerca la risposta dentro di te. Perché è lì.

Non hai bisogno di bere acqua calda al limone al mattino se poi ha voglia di un doppio cheeseburger e patatine, non hai bisogno di tè dimagranti per farti drenare (leggi disidratare) e poi mangiare 90 pezzi di sushi la sera perché “il sushi fa bene” (sì fa bene pure la pasta ma non trecento grammi a sera): in sintesi non lasciarti abbindolare dalle fesserie e ricordati le ovvietà. Bevi sì tanta acqua perché ti aiuta ma non esagerare perché potrebbe sortire l’effetto contrario. Il sale no e lo zucchero no (con parsimonia?). I carboidrati poco e meglio il pesce che la carne. Le spezie sostituiscono il sale, l’assenza di latticini ti farà sgonfiare più velocemente, sì al glutine perché se non sei neanche lievemente intollerante e non hai crampi o gonfiore perché mai dovresti evitarlo (non lo capirò MAI), poca carne, tante verdure meglio se di colore verde e bianco piuttosto che rosso e arancione (giusto per ricordarlo con i colori).

Tutte le tips (fa moda e devo chiamarle così) che ti ho scritto nella scheda ti aiutano a sgonfiarti tantissimo. Se le segui per massimo dieci giorni rimarrai esterrefatto dai risultati anche se dipende SEMPRE dal tuo corpo perché come non smetto mai di ticchettare: siamo macchine uniche e irripetibili. Quello che va bene per me potrebbe (in alta percentuale) non andare bene per te. E ritorniamo al punto principale:

ascolta il tuo corpo e cerca la risposta dentro di te. La soluzione la sai già, il tuo corpo dovresti conoscerlo non bene ma benissimo e non in ultimo:

Detox non significa depurarsi per una settimana e ritornare poi alle “sane” e vecchie abitudini. Solo con la costanza e un percorso completo di cambiamento e di coscienza il tuo corpo sarà davvero depurato.

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

1 COMMENTO

  1. Ciao!
    80 kg?? Come hai fatto? Ma soprattutto come hai fatto a invertire il senso di marcia rispetto ad un approccio “dieta-ingrasso-dieta”? Immagino ci sia anche un modo di verso di pensare oltre che di mangiare..mi piacerebbe molto capire, da brava estimatrice di Gennen Roth
    Grazie!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here