Correre con il freddo

Il freddo non è una buona scusa per non correre. Basta proteggersi bene per divertirsi di più.

CONDIVIDI

La cattiva notizia: fa molto freddo. La buona notizia: ti puoi coprire e uscire a correre, con lo stesso comfort che avresti se ci fossero 20 gradi e una leggera brezza primaverile. Niente ti dovrebbe impedire di correre, a parte una malattia o Godzilla. Quindi partiamo da cosa devi fare prima di correre, cioè: come vestirti.

Come vestirti

Per regolarti sul cosa indossare non dimenticare mai la legge dei 10°C: la temperatura corporea percepita quando corri è circa 10°C più alta di quella reale. Quindi se fuori ci sono 0°C comunque ne percepirai 10 dopo un po’ che corri. Quindi dovrai vestirti di conseguenza, coprendoti di più quanto più bassa è la temperatura. Partendo dall’alto verso il basso:

  1. Testa: Un berretto tecnico di tessuto traspirante che ti tenga caldo ma che permetta anche al sudore di evaporare in modo da non raffreddarsi
  2. Occhi: se corri con il sole non trascurare di usare degli occhiali da sole. Il sole in inverno è molto più basso all’orizzonte e quindi la sua luce, quando la giornata è soleggiata, ti arriva più direttamente negli occhi
  3. Naso/bocca/collo: un buff, o scaldacollo o tubolare o come lo vuoi chiamare: protegge il collo e se l’aria è molto fredda puoi alzarlo fino a coprirti bocca e naso
  4. Busto: un primo strato traspirante (magari usando una maglia a manica lunga invece di quella corta), un secondo strato termico e un terzo strato antivento o impermeabile (magari tutti e due assieme). A volte basta usare una maglia lunga come primo strato perché è sufficiente avere gli avambracci al caldo per stare bene. Consiglio stupido ma utile: infila la maglia nei pants per evitare di scoprire inavvertitamente la schiena mentre ti muovi, esponendola ai letali colpi di freddo.
  5. Gambe: pants lunghi, ovviamente
  6. Piedi: calzini lunghi o corti, poco importa, tanto i pants coprono le caviglie
  7. Mani: guanti, tecnici o alla disperata anche normali guanti.

Le scarpe

Le scarpe che usi di solito vanno benissimo, meglio ancora se ne hai un paio con una mesh meno traspirante di quelle che usi d’estate. Perfette quelle in Goretex che, oltre a essere impermeabili, tengono il piede molto più caldo.

Cosa manca? Ah giusto: correre!

Ma non dimenticare prima di fare un po’ di riscaldamento. Una cosa leggera magari, ma che riesca a comunicare al tuo corpo che stai per muoverti. Ricorda che, specie quando c’è molto freddo, i muscoli non caldi possono soffrire ancora di più di un uso troppo repentino e non preparato.
Non trascurare nemmeno di coprire bene le vie respiratorie: non solo la gola ma la bocca e il naso perché l’aria fredda inspirata con forza durante la corsa può mettere a dura prova bocca e naso.

Non c’è davvero motivo per non correre con il freddo: può essere invece eroico e divertente farlo. E se ti copri bene e riesci ad avere una buona temperatura corporea grazie a come ti sei vestito, puoi correre nelle condizioni ideali. Potrebbe non capitarti più né in primavera e tanto meno in estate. Non vorrai mica perdere questa occasione?

(Photo credits Amanda Sandlin)

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

20 COMMENTI

  1. Perfetto. Per me correre con un freddo del genere nei giorni scorsi, dato che vivo nella parte più meridionale della Sicilia, è stata un’assoluta novità ed ho dovuto improvvisare, però leggendo l’articolo mi rendo conto che ho improvvisato bene. 👍✌

  2. Condivido pienamente! I primi 7-8 minuti sono terribili ma poi non ti fermeresti più. Il corpo umano, quando funziona bene, è una macchina perfetta.

  3. Non solo non ti fermeresti più…. ma alla fine scopri che corri meglio e di più d’inverno col freddo che d’estate con il caldo!

  4. Io ho iniziato a correre proprio ad ottobre perché non volevo che l’arrivo della stagione fredda fosse una scusa per rimandare. Sono arrivata ai famosi 5km e vado avanti. Vivo al nord della Germania e fino ad ora solo il ghiaccio mi ha bloccata. Origogliosa di me! 😊

  5. Io ho iniziato a correre ad ottobre proprio perché non volevo che l’arrivo della brutta stagione fosse una scusa per rimandare. Sono arrivata ai 5 km e vado avanti. Per adesso solo il ghiaccio mi ferma (vivo a nord della Germania ) Fiera di me😊

  6. Confermo anche abbigliamento stratificato:ieri 10k a -5°C.
    Dopo un difficile inizio(eppure avrei giurato di avere visto un pinguino)e la domanda ricorrente nella testa(ma chi me l’ha fatto fare?) al km 4 ho tolto il terzo strato antivento e finito tutto d’un fiato..
    Riuscire a sudare in queste condizioni atmosferiche da una sensazione unica,quasi di invincibilita’.
    Grandioso.⛄

    • Verissimo, come correre con una pioggia battente. Il bello è che quando ingrani ti senti davvero immortale. Impagabile!

  7. Oggi nevicava e correre é stato bellissimo…io preferisco correre in inverno e oggi con i campi innevati (sono di Novara) é stato quasi cat…artico

  8. allenarsi sotto i 5 gradi non porta nessun giovamento, anzi potrebbe portare malanni e basta, state in casa oppure andate in palestra…

    • L’attività fisica comporta un riscaldamento del corpo,indipendentemente dalla stagione in cui si pratica.
      Visto che il running a parità di energia utilizzata è lo sport che brucia il maggior numero di calorie si può immaginare quanto questa sensazione sia amplificata.
      In inverno quindi tutto ciò contrasta con il freddo,annullando la spiacevole sensazione di intorpidimento della muscolatura e riattivando la circolazione sanguigna,visto che utilizziamo quasi tutti i muscoli del corpo.
      Dubito quindi che questa pratica possa portare malanni…
      Piuttosto consiglierei invece moderazione quando la temperatura di esercizio supera i 30/35°C.. (estate n.d.r.) perche al fisico già sottoposto a disidratazione naturale aggiungiamo un carico di lavoro extra rischiando di sovraccaricare il nostro corpo,specialmente nelle ore centrali e quindi più calde della giornata.
      Sottolineo infine che il mio è solo un consiglio di moderazione,perché l’attività fisica è un toccasana del nostro fisico e in NESSUN CASO può risultare dannosa o causa di malanni,al contrario-se coadiuvata da una corretta alimentazione- aiuta a prevenire molte patologie legate all’immancabile invecchiamento a cui l’essere umano è sottoposto. (Escusi tutti gli Hilander e quelli che si chiamano Matusalemme).

  9. Correre è un fattore mentale, poi fisico. Pertanto la temperatura è da considerarsi da backstage. Io ho corso in Arabia Saudita a 48 gradi e in Germania, Baviera del sud, a -24. I parametri, la temperatura, il gps, le frequenze, ecc. sono la parte più noiosa della corsa rispetto alla tua condizione mentale in sintonia con la natura. Correre è stare accanto all’Etna. Il suicidio si chiama palestra. Corri per pensare, corri per conoscere te stesso, corri per scoprirti, corri per prendere decisioni, corri per capire che ce la puoi fare, corri per concludere, corri per vivere. Corri; la vita, così, ti insegue. Corri perché il tempo corre e, allora, starai al passo. Corri per esistere. Corri. Io corro perché esisto? No, io esisto perché corro. Corri.

  10. Martino ma nel tuo articolo consigli di coprirsi bocca e naso giusto? Ma ho provato e dopo poco lo scaldacollo si inzuppa a causa della respirazione e non sopporto sulla bocca quel senso di umido…è così? Ci sono rimedi che non conosco?
    Grazie e FORZA RUNLOVERS

  11. 12 anni di Bologna mi hanno fornito un’esperienza fondamentale su come correre al freddo (quello vero, anche a -5°); dato per scontato che la sopportazione/percezione del freddo è una questione molto soggettiva, consiglio sempre – come dice l’articolo – tre strati, magari quello esterno con cappuccio da mettere sopra l’immancabile cappelletto e possibilmente antivento e idrorepellente.
    Per evitare di inalare aria fredda a ripetizione è possibile coprire naso e bocca ma fate attenzione a farlo con materiali e articoli opportuni, aspirando con forza mentre si corre si rischia di attirare il tessuto dentro la bocca (proprio così) ottenendo così un fastidiosissimo filtro per il libero scorrimento dell’aria.
    Per le mani, se soffrite come me il freddo in modo particolare consiglio di mettere guanti di lattice (se non siete allergici) come “sottoguanti e poi i guanti tecnici, vanno bene anche sottoguanti di stoffa aderenti e non dimenticate uno stick protettivo per le labbra. Buona corsa.

  12. Io vorrei qualche consiglio sul riscaldamento..con questo gelo appena esco metto il turbo!!Mi ci vuole un po per arrivare a non battere più i denti!

RISPONDI