ASICS GEL-Hyper Tri 3: velocità pura

CONDIVIDI

Senza troppi giri di parole, abbiamo davanti una delle migliori scarpe veloci che ho avuto la possibilità di testare quest’anno. Le ASICS GEL-HYPER TRI 3 non sono delle scarpe comuni perché – nel loro spirito e nelle premesse iniziali – sono delle scarpe da triathlon, non a caso sono le stesse che usa Jan Frodeno. Poi le provi e ti rendi conto che sono perfette per fare qualunque tipo di lavoro breve e veloce.

Se dovessi fare il confronto con un’automobile, probabilmente le paragonerei a sportiva inglese classica: sono senza fronzoli inutili, fanno bene il loro lavoro e sono veloci. E ti garantisco che sono dannatamente veloci.

Il concetto

Il pensiero che sta alla base delle Hyper Tri è molto semplice e coinvolge tre elementi: drop contenuto (6 mm), sostegno essenziale, ammortizzazione dove serve. Sembra banale, dirai, ma non lo è. Perché questi tre elementi sono le chiavi necessarie per fare una scarpa veloce, che assecondi la nostra biomeccanica, che ci permetta di svolgere la corsa come un gesto naturale, che sia reattiva e ci permetta di avere un’ottima sensibilità sull’appoggio.

Quando questi tre elementi vengono mischiati nella maniera corretta, ottieni una scarpa di quelle che non vedi l’ora di mettertele per andare a correre.

La scarpa

La tomaia è seamless (senza cuciture), leggera e traspirante, con l’applicazione di alcuni elementi di supporto leggeri che danno quel minimo di stabilità senza costringere il piede in modo troppo invasivo. La linguetta è parte integrante della tomaia e leggera, garantisce il comfort indispensabile per non sentire eccessivamente la pressione dei lacci e – grazie al foro superiore e ai lacci elastici (contenuti nella confezione) – permette di infilare le scarpe molto velocemente. Queste sono piccole raffinatezze da Zona Cambio per farti capire che ogni particolare è pensato per fare il suo lavoro perfettamente e, se non le userai per il triathlon, il secondo paio di lacci è tradizionale: a te la scelta.

Linguetta forata e lacci da running tradizionali (quelli elastici sono inclusi nella scatola)

Discorso a parte va fatto sulla vestibilità. Infatti hanno una forma particolarmente stretta e, dopo averle provate, potresti sentire la necessità di acquistare la taglia più grande di mezzo numero rispetto a quello che utilizzi comunemente. In qualunque caso è bene utilizzarle per qualche giorno solo per camminare in modo che la tomaia si conformi internamente al nostro piede, soprattutto se vogliamo usarle senza calze.

Come puoi facilmente immaginare, la scarpa è veloce e reattiva. I 6 mm di drop favoriscono un appoggio in avampiede ma c’è comunque quel livello di ammortizzazione che rende piacevole la corsa senza affaticare troppo il piede.

Nella foto si distinguono chiaramente i 6 fori per l’espulsione dell’umidità

La suola è in tradizione ASICS con la conosciutissima Guidance Line ma sono stati aggiunti dei fori per espellere l’umidità dall’interno della scarpa.

Il comportamento dinamico e la rullata sono favoriti dalla leggerezza (190 grammi) e dalla flessibilità della Gel-Hyper Tri. Quindi durante la corsa avrai la stessa sensazione, tipica di ASICS, ma ne apprezzerai la leggerezza e la velocità.

Chiaramente non sono scarpe ideali per fare lunghi lenti o maratone (forse nemmeno delle mezze per alcuni) – a meno che tu non sia un top runner. Ma per fare lavori specifici sulla velocità e per migliorare l’appoggio del piede, la postura e la tecnica, sono semplicemente eccellenti.

In definitiva

Come ti ho detto prima, il modo migliore per descrivere le ASICS Gel-Hyper Tri 3 è dirti che non vedrai l’ora di indossarle per andare a correre. Perché quando le calzi ti ci diverti davvero moltissimo, anche se stai facendo delle ripetute pesantissime.

Perfette come seconda scarpa, hanno un prezzo di listino di 120€ ma si trovano tranquillamente tra i 60 e gli 80 euro. Un prezzo davvero basso in relazione alla qualità della scarpa.

IN BREVE
Comodità
8.5
Estetica
9
Tomaia
9
Suola/Intersuola
9
Peso Percepito
10
Protezione
8
Rapporto qualità/prezzo
10
CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

3 COMMENTI

  1. Per cosa le usa Frodeno? Ho visto che ultimamente in gara ha usato le Asics Roadhawk ff.
    Bell’articolo, forza Asics!

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here