La playlist per correre a 4’30″/km

Se vai a 4'30"/km vai veloce, molto veloce. Se fai questa velocità per 3 ore e 10 minuti hai fatto una maratona intera, per esempio.

CONDIVIDI

Parliamoci chiaro: se corri a 4’30″/km di media fai una maratona in circa 3 ore e 10 minuti, per capirci. Molti fanno i 4’30″/km. Anche io li faccio. Per 200 metri. Anche per 400 forse, ma poi mi sa che mi devono rianimare. Farli per 3 ore significa che, hey, sei forte, molto forte.

Ma non è detto che li devi fare per 3 ore e 10 minuti di fila, no? Magari stai solo facendo le tue amate ripetute e ok che devi farle sentendo cosa ti dice (o cosa segna) il tuo amato/odiato GPS, ma magari a volte le vuoi fare in maniera più naturale, seguendo il ritmo giusto di una canzone che viaggia attorno ai 160 bpm. Quindi, eccoti una playlist che parte apparentemente piano con i Weezer di “Say it ain’t so” ma che poi ti maltratta con “The Rockafeller Skunk” di Fatboy Slim. E poi Foo Fighters (i Foo vanno sempre ai 300 all’ora) e poi un po’ più calmo, con Wonderwall degli Oasis. Una pausa? Non se ne parla proprio: tripletta di No Doubt, Beastie Boys e Lenny Kravitz. Una tirata fino al ritmo gioioso degli Outkast e poi è tutta dritta a ritmi spintissimi, fra Strokes, Placebo, Soundgarden e Rage Against the Machine. Ma l’ultima è qualcosa di celestiale: “La femme d’argent” degli Air. Sarà un piacere averla nelle orecchie quando finalmente ti riposerai.
Grande! Sei vai così per 3 ore e 10 minuti, beh, ora lo sai: hai fatto 42 km.
I 195 metri che mancano te li abboniamo. Ma solo per questa volta!

Ecco la playlist già pronta. Ne troverai moltissime altre nel nostro profilo Spotify, quindi ti basta seguirci!

Per vincere invece il braccialetto RunLovers con la scritta “you’re a runlover” basta andare qui e seguire le indicazioni. Ricordati: riceverai il braccialetto quando pubblicheremo la tua playlist o il tuo racconto!

CONDIVIDI
Martino Pietropoli (detto Tino Mar): la creatura Tino Mar, risultato di un esperimento riuscito non troppo bene, ha un suo laboratorio, ovviamente segreto, dal quale escono i progetti più disparati. L'importante è che siano barefoot. Appare come un tranquillo e serio professionista ma quando vede una scarpa a drop 0 perde il controllo ed esce a provarla correndo per strada. Prima però ha l'accortezza di annunciarlo su twitter. Condivide con BIG la possibilità di correre in fermo immagine ed è per questo l'altra faccia della stessa medaglia.

3 COMMENTI

RISPONDI

Please enter your comment!
Please enter your name here