Facciamola facile: perché mangiare tanto a colazione (non solo dolce)

senza dimenticarsi del salato

CONDIVIDI

Non dico che ogni mattina bisogni star lì a preparare la Bauernfrühstück, ovvero la colazione del contadino tedesca famosa in tutto il mondo friggendo patate con pancetta e venti uova, e neanche che un uovo ogni mattina sia salutare. Non dico neanche che cornetto e cappuccino siano superati (vorrei, lo confesso) e che la frase “prendo solo un caffè al volo perché al mattino proprio non riesco” meriterebbe – in amicizia si intende – una badilata sulle gengive dopo averla proferita. Dico che ci sono tantissime alternative fantasiose e basta solo organizzarsi – anche la sera prima, sì – e che oltre a questo lungo sproloquio sulla colazione e questa coccola di prepararti la colazione su instagram, vorrei farla facile senza perdermi in vaneggiamenti come sempre e chiacchierare con te sul perché si debba mangiare tanto a colazione, e cosa soprattutto. Come alternativa alla solita roba, sì.

I  10 Sacri Comandamenti sulla Prima Colazione, però teniamoli sempre a mente ok?
a1

Colazione scarsa? Fai ciao ciao al metabolismo

Non sono io a dirlo, ma studi medici che dimostrano come due gruppi distinti di persone gravemente obese siano state analizzate facendo colazione e saltando colazione. Il gruppo di chi faceva colazione è dimagrito del 28% in più. L’effetto dimagrante di una ricca colazione che incide sul funzionamento del metabolismo non è una leggenda metropolitana ma legge. L’ipotalamo controlla un bel po’ di cose e ha un gran bel da fare ventiquattro ore su ventiquattro ininterrottamente. Stakanovista come è, controlla anche l’attività endocrina e l’assunzione di cibo. Se al mattino, appena alzati, dimostriamo all’ipotalamo che siamo bravi e iniziamo a nutrirci, tutti i “suoi dipendenti” cominceranno a darsi un gran da fare per smaltire, immagazzinare correttamente e attivare al meglio il funzionamento del nostro corpo. Se al mattino, appena alzati, ci facciamo vedere pigri, svogliati – e quel caffè ce lo concediamo quasi come fosse un favore per tutti questi adorabili esserini che lavorano per noi – sai che fanno tutti? Dormono. E quando deciderai di introdurre cibo, addormentati, stanchi e svogliati pure loro trasformeranno tutto in grasso.

Mi piace tanto il salato

a2

E chi ti impedisce di mangiarlo al mattino? Non ti piacciono le merendine, il cornettino e i cereali? (male!). Certo non sei in vacanza e non può sempre andarti bene con salsicce, uova fritte e bacon e neanche in un film western con fagiolata e pancetta con tanto lardo caldo sul pane ma ci sono un’infinità di cibi adatti alla prima colazione che non richiedono chissà quale tempo da perdere. Ricordandoci sempre che ci si può preparare per tempo. Quando? La sera. Anche un semplice piccolo panino con della fesa di tacchino. Quanto tempo perdi? Un minuto e mezzo? E a spalmare su una fetta di pane nero – o di timilia, o di segale, o quello che preferisci – del formaggio e dei semi di canapa? Un altro minuto e mezzo?

E cosa potrei mangiare di salato quindi?

a6

Pancake salati (l’impasto puoi preparlo la sera prima – tre minuti) e poi farli caldi caldi. Fetta di pane tostato con burro di arachidi e formaggio. Toast con formaggio e fesa di tacchino o prosciutto. Pane tostato con burro e formaggio (al posto della marmellata, sì). Insalatina di ananas con limone e sale (buonissima!). Crema di avocado -basta frullarlo o schiacciarlo con la forchetta se è maturo- che si sposa benissimo con le uova strapazzate (e i semi di chia). Insalatina di avocado con i semi di canapa e pane tostato. Anche del buonissimo pane caldo con dell’olio, perché no? E pepe? sì. Frittatine veloci e arrotolate con dentro la fesa. Si ha davvero l’imbarazzo della scelta. Certo non ci si fa due spaghetti aglio e olio (uhm) ma bilanciando proteine e carboidrati, mica si sbaglia.

So che il tempo è frenetico e tiranno. So che spesso non si ha davvero il tempo anche solo di allacciarsi le scarpe, ma fare colazione è una questione di salute. Perché magari si fanno tanti sacrifici e vanificarli pare brutto (posso dire pare brutto o pare brutto?)

Non fare colazione significa vanificarli. Vale la pena quindi almeno provarci, no?

a3

CONDIVIDI
Si dice che, all'inizio, Lewis Carroll avesse scelto lei e che il romanzo si intitolasse Maghetta nel Paese delle Meraviglie ma lei, volendo rimanere nell'ombra per continuare i suoi progetti di conquista del mondo, rifiutò la parte di protagonista per lasciarla a quella sciacquetta di Alice. Dalle pendici dell'Etna, Maghetta cucina, fotografa, disegna e continua a progettare la conquista del mondo; infatti le sue giornate durano circa 144 ore (12 al quadrato). Per reggere questi ritmi infernali corre tutti i giorni almeno per un'ora, poteva essere altrimenti? Ha pubblicato per Mondadori "Le ricette di Maghetta Streghetta", best seller in cima alle classifiche nelle categorie: gnomi da giardino, unicorni e cani retriever. Ti consigliamo di comprarlo - seriamente: è in cima alla classifica "cucina per le feste" - e di leggerla; il ricavato andrà all'AIRC quindi avrai un bel libro e contribuirai alla ricerca!

COMMENTA PER PRIMO!

RISPONDI