Obbligo di catene ai piedi, Yaktrax Pro

CONDIVIDI

Nevica, bello, si avvicina il Natale e siamo tutti molto romantici. Nevica, meno bello, devi uscire in auto ma le ruote scivolano. Ingorghi. Insulti. Il sindaco, il sale, la Protezione Civile, The Day After Tomorrow, AIUTO!!!!

In molte regioni d’Italia, da qualche tempo c’è l’obbligo di avere le catene da neve a bordo. Giusto! Ma se dobbiamo uscire a correre e i marciapiedi (o i sentieri) sono delle infide lastre di ghiaccio, come dobbiamo fare?

METTIAMO LE CATENE!!!!

Si chiamano Yaktrax Pro e sono ciò che serve per avere il giusto grip quando le condizioni meteorologiche ci consiglierebbero di rimanere in casa a leggere un libro al caldo. Ma noi siamo runner, mica delle femminucce che passa la giornata a pettinare le bambole, VERO?!

Yaktrax Pro – come vedete dalla foto – è composto da una struttura in gomma e da bobina di metallo (riciclato al 70%) dello spessore di 1,4 mm che fornisce il grip agganciandosi alla scarpa. Ovviamente si trovano varie misure mentre il peso va dai 145 ai 155 grammi.

Ah, dimenticavo, l’informazione essenziale è che si può usare Yaktrax Pro solo fino a -40°C. Oltre i quali probabilmente faremmo la fine del povero soldato in The Day After Tomorrow.

CONDIVIDI
Sandro Siviero (detto BIG): vive, lavora, scrive e corre in una località sconosciuta a tutti, localizzata dall'intelligence in una non meglio definita area nelle terre di Mordor. Big è una sorta di entità grigia che tutto vede e tutto controlla. Essere mitologico, ai collaboratori di RunLovers è concesso vederlo solo in occasione delle festività nazionali della Papuasia e solo in fermo immagine. Cioè mentre corre.
 Qua dentro è quello che decide chi vive e chi muore e, per questo, noi lo amiamo di un amore disinteressato e spontaneo.

1 COMMENTO

RISPONDI